Depistaggi : due su otto diventano vittime

L’avv. Fabio Anselmo mostra la foto del cadavere di Cucchi coperto di lividi

Abbiamo subito un danno di immagine” , si difendono i carabinieri Labriola e Di Sano

Di Simona Boenzi

Dopo dieci anni si sono ricordati di aver subito il danno di immagine e si costituiscono parte civile . “Non sapevamo del depistaggio”. Iniziano così due degli otto imputati al processo che si è aperto stamane alla settima sezione penale . Si tratta dei carabinieri Massimiliano Colombo Labriola e Francesco Di Sano, che hanno deciso di costituirsi parte civile. “L’ordine fu dato da chi insistendo sulla modifica sapeva qualcosa di piu’. – ha spiegato uno dei legali – Labriola e Di Sano hanno subito un danno di immagine, secondo gli avvocati dei due, la motivazione – proseguono – sarebbe da ricercare nell’obbligo come militari di eseguire ordini arrivati dai superiori: il tenente colonnello, Cavallo e il tenente colonnello, Soligo . Per i depistaggi sono imputati inoltre, il generale Alessandro Casarsa all’epoca dei fatti comandante del Gruppo Roma. Quest’ultimo, vale la pena ricordare- aveva già tirato in ballo il generale Vittorio Tomasone che in qualità di comandante provinciale dell’Arma il 30 ottobre 2009 aveva indetto una riunione con tutti i protagonisti della vicenda: «Mai sentito parlare di modifiche fatte alle relazioni di servizio. Per me la vicenda è iniziata a partire dal 27 ottobre quando ho chiesto al colonnello Cavallo di raccogliere le relazioni di servizio realizzate da chi era entrato in contatto con l’arrestato per uno spaccato della vicenda. Nell’ interrogatorio di gennaio, poi, mi fu chiesto dal pm come fossi stato a conoscenza di alcuni dati medici, poi inseriti in una mia annotazione datata 30 ottobre 2009 nella quale davo alcune indicazioni di carattere medico. Non ricordavo all’epoca quale fosse la mia fonte poi ho ricostruito la vicenda e oggi posso affermare che il pomeriggio del 30 ottobre 2009, dopo la riunione, sono tornato al Comando provinciale dove ho avuto queste indicazioni che poi le ho dettate al colonnello Cavallo. ( Il Manifesto 16 luglio 2019 )

Presenti all’udienza di questa mattina quattro degli otto imputati: Colombo Labriola, Sabatino, Testarmata e Di Sano. le accuse per tutte queste persone sono a vario titolo e a seconda delle posizioni di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...